quito terremoto

 

Quito, 25 de Abril 2016

 

Carissimi amici tutti: dal Centro Missionario, ai compagni di classe ai carissimi sacerdoti che mi conoscono, ai carissimi Maria e Silvano Curtolo, Katia e Vezio, ai miei familiari, ai carissimi soci della Cooperativa CPS di mia sorella Paola.

Vi mando questa nota per farvi sapere la terribile situazione che sta passando il nostro Equador.

La situazione è davvero durissima. Immagino che avete visto notizie per televisione. Già sono 700 le persone che hanno perso la vita e più di 2.500 i feriti gravi. Mai si era visto una catastrofe così tremenda nel nostro paese: case distrutte, edifici al suolo, ponti e strade impossibili per andare e, la peggiore, la grande perdita di vite umane.

Siamo nel Sud del paese: c’è un tremendo calore. Cominciano a mancare l’acqua e i viveri di prima necessità. Sono due le provincie più colpite: Manabì e Esmeraldas.

La settimana scorsa siamo andati personalmente a visitare le zone del disastro e francamente, credetemi, che uno resta senza parole. La gente insieme con i loro vescovi di Manabì ed Esmeraldas cerca di animare fratelli e le sorelle. Abbiamo tutti tanto bisogno della presenza vicina di Gesù Misericordioso. Aiutateci a non perdere il coraggio per continuare nonostante tutto.

Vi mando queste notizie e delle foto, per farvi sapere la nostra situazione e per dirvi con forza: dateci una mano fuertememente solidale, perché il cuore ce lo avete già.

Potete mettervi d’accordo con mia sorella Paola.

Un bacione grande così.

Vostro P. Graziano

 

 

Padre Graziano è un caro amico missionario in Ecuador e ci invia fortissimo il suo grido di aiuto per le popolazioni colpite da un terribile terremoto che ha causato oltre 650 morti, 4605 feriti, 31 dispersi ed enormi danni che i sopravvissuti devono affrontare da soli.
PADRE GRAZIANO CI CHIEDE UN AIUTO, ANCHE SIMBOLICO, PER CHI STA CERCANDO DI RIPARTIRE DOPO LA PAURA E IL DOLORE.
GRAZIE A TUTTI COLORO CHE CONTRIBUIRANNO!
IBAN: IT 62 B 07074 62010 003000101502